Test di gravidanza sulle urine: è attendibile se fatto molto prima?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 10/03/2021 Aggiornato il 18/01/2023

Il test di gravidanza che si effettua sulle urine è bene farlo a partire dal primo giorno di eventuale ritardo delle mestruazioni. Eseguito molto prima può produrre falsi negativi.

Una domanda di: Ilaria
Ho effettuato un test di gravidanza 5 giorni prima della presunta data di mestruazione, il test era negativo “non incinta”, possibile comunque che io sia incinta? Cosa mi consiglia di fare, aspettare ancora per fare una beta? O posso restare tranquilla e aspettare ancora l’arrivo del ciclo? Grazie in anticipo.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, la sua domanda mi sorprende un po’, nel senso che se l’indicazione (come penso lei sappia bene) è quella di eseguire il test di gravidanza sulle urine a partire dal primo giorno di eventuale ritardo delle mestruazioni rispetto alla data presunta di arrivo, significa che effettuarlo prima non serve perché potrebbe produrre un falso negativo. Il mio consiglio è dunque quello di attendere con un po’ di pazienza l’arrivo delle mestruazioni, per poi, se non dovessero arrivare, effettuare il test sempre sulle urine. Il dosaggio nel sangue dell’ormone beta-hCG non è da effettuare di propria iniziativa, quindi se il ginecologo non le ha detto nulla al riguardo eviti di farlo e si limiti a effettuare il test sulle urine che è più che sufficiente e più che attendibile (se fatto quando è il momento). Le ricordo di assumere acido folico, una compressa da 400 microgrammi al giorno per tutto il periodo di rcerca della gravidanza e almeno fino al termine del primo trimestre, a meno che il suo curante non le suggerisca di proseguire. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti