Test di paternità non invasivo: può sbagliare?

Dottoressa Cristiana De Petris A cura di Dottoressa Cristiana De Petris Pubblicato il 16/12/2021 Aggiornato il 16/12/2021

I test di screening per loro caratteristica non sono diagnostici, quindi presentano un margine di errore che, tuttavia, non è alto.

Una domanda di: Francesca
Salve dottoressa, ho un un urgente bisogno di un chiarimento. Ho effettuato
un test di paternita prenatale non invasivo tramite un centro che si
appoggia al GENOMA di Roma, il risultato fortunatamente è stato NON
COMPATIBILE con la persona con cui ho avuto il rapporto extraconiugale.
Qualche settimana fa, il programma televisivo le iene ha mandato in onda un
servizio, dove, una ragazza che ha effettuato il mio stesso test che, ripetuto alla nascita, si è rivelato completamente errato!
Cosi ho telefonato altri centri genetisti che effettuano gli stessi test, la
maggior parte di loro procede soltanto tramite amniocentesi, in quanto, mi
hanno riferito che, questo qui non invasivo, non dà la certezza al 100%, non
è un test accreditato SSN, e​ che, il DNA fetale che circola nel sangue
materno essendo quello della placenta e non quello del bambino, può dare un
margine di errore abbastanza alto. Ora sono in panico, non riesco a stare
tranquilla del risultato ottenuto.
Questi test non invasivi possono realmente sbagliare di molto?
Vorrei essere sicura della paternità ma a questo punto non lo sono!
Attendo una vostra gentile risposta…
Cristiana De Petris
Cristiana De Petris

Buongiorno signora, confermo che sono test di screening e non diagnostici, tuttavia il margine di errore è veramente basso.
Consiglio comunque di servirsi di centri accreditati chiedendo ai laboratori di inviare studi che attenstino l’attendibilità del test (i cosiddetti studi di validazione).
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di quasi 5 anni che vuole andare al nido

02/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Prima degli 11 anni di età non si può investire il bambino del potere di deciderew per sè: diversamente lo si carica di un peso che può essere psicologicamente insostenibile.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti