Test di paternità post natale: può sbagliare?

Dottoressa Cristiana De Petris A cura di Dottoressa Cristiana De Petris Pubblicato il 01/04/2022 Aggiornato il 01/04/2022

L'indagine sulla paternità effettuata mediante l'analisi del DNA fornisce risultati altamente attendibili.

Una domanda di: Isabella
Salve dottoressa, volevo farle una domanda. Mia figlia ha avuto una bambina
a cui abbiamo fatto un test di paternità in quanto i suoi tratti somatici,
il colore della pelle e i capelli non sono come quelli del presunto padre,
infatti la piccola assomiglia tantissimo al suo ex, ma il test di paternità
confermano che è positiva al presunto padre che è egiziano. Premetto che il
test lo abbiamo fatto 2 volte proprio perché al primo esito siamo rimasti
scioccati in quanto la differenza è evidente. Vorrei sapere, ci può essere
la possibilità che i test possano sbagliare? Oppure qualcosa che non si
spiega nelle nostre conoscenze? Nonostante il secondo test, comunque
restiamo sempre molto allibiti.
Grazie infinite.
Cristiana De Petris
Cristiana De Petris

Cara signora,
i test di paternità, specialmente quelli post natali, cioè effettuati sul bambino già nato, sono molto attendibili. La signora addirittura l’ha ripetuto due volte quindi escludo uno sbaglio da parte del test. Per quanto riguarda la somiglianza con l’ex fidanzato di sua figlia, probabilmente dipende dal fatto che nella vostra famiglia qualcuno presenta tratti simili ai suoi, sono cose che capitano e se ci si riflette bene ci si accorge anche che una spiegazione si trova. Probabilmente, con il passare dei mesi, questa somiglianza si attenuerà via via, perché appunto il test di paternità non mente. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti