Test per la sifilide e gravidanza

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 28/12/2022 Aggiornato il 28/12/2022

Se si hanno dubbi sul risultato dell'esame che individua la sifilide è necessario rivolgersi tempestivamente a un centro specializzato per la cura delle patologie della gravidanza.

Una domanda di: Sabrina
Buonasera alle visite del primo trimestre di gravidanza risulto VDRL (Veneral Disease Research laboratory) 1 a 2: devo preoccuparmi? Preciso di aver curato la sifilide un anno fa, grazie.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, il test da lei effettuato è considerato un test di screening per l’infezione della sifilide. Può risultare positivo per una precedente infezione, un’infezione in corso, oppure per situazioni immunologiche alterate. Solitamente è necessario effettuare un approfondimento nei centri di riferimento per le infezioni in gravidanza per definire se l’infezione è presente oppure no. Nel caso in cui sia presente è assolutamente indispensabile un approfondimento in centri di secondo livello con eventuali terapie specifiche antibiotiche che se non vengono effettuate rapidamente possono determinare enormi problematiche a livello fetale oltre che alla persona risultata infetta. Contatti quindi il suo specialista di fiducia e un centro di malattie infettive in gravidanza per procedere al più presto . Sperando di essere stato utile cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Allatto mio figlio di due anni e sono incinta: posso usare il progesterone?

01/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego di progesterone a sostegno di una nuova gravidanza è consentito durante l'allattamento, soprattutto se il bambino nutrito al seno è già svezzato.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti