Test sulle urine positivo e beta positive: cosa significa?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 11/11/2021 Aggiornato il 11/11/2021

E' davvero del tutto inutile, dopo aver effettuato il test di gravidanza sulle urine (con risultato positivo), precipitarsi di propria iniziativa a fare il prelievo per il dosaggio delle beta-hCG nel sangue, trovandosi poi nella situazione di non saperlo interpretare.

 

Una domanda di: Emanuela
Data della mia ultima mestruazione è il 7 Ottobre 2021. Ho il ciclo regolare di 28 giorni, e la mestruazione mi doveva arrivare il 4 Novembre 2021. A 3 giorni di ritardo ho fatto il test di gravidanza clearblue ed è risultato positivo 2-3 settimane. Due giorni dopo ho fatto la Beta, ed è risultato un valore che non capisco come interpretarlo? Il valore è: 1.107.24 mlU/ml (il valore di riferimento è 1000.00-10000.00). Grazie per la sua attenzione e per il suo aiuto. Cordiali saluti.

 

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi stupisce che lei abbia già eseguito non solo il test di gravidanza ma anche il dosaggio delle beta-hCG e mi chiedo se lo abbia effettuato di sua iniziativa o su indicazione del ginecologo curante. Nel primo caso le direi che non era necessario “svenarsi” (sia in termini di sangue che economici) e che era sufficiente il test di gravidanza positivo eseguito sulle urine. Se invece la prescrizione del dosaggio delle beta-hCG fosse arrivata dal Curante, sarebbe opportuno fosse lui o lei ad interpretare l’esito dell’esame. Comunque, per non tenerla troppo sulle spine, le posso dire che il suo valore di beta-hCG è di millecentosette unità (il numero 24 esprime i decimali) quindi è perfettamente nei range e ci aspettiamo anche di riuscire a visualizzare una camera gestazionale in utero qualora lei si sottoponga ad un’ecografia ginecologica. Spero di esserle stata di aiuto e le auguro di godersi la sua gravidanza senza avere sempre bisogno di tenere tutto sotto controllo attraverso la tecnologia…vedrà che nel tempo sarà capace di osservarsi e di ascoltarsi, trovando da sé la conferma che davvero il suo sogno di diventare mamma sta diventando realtà. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti