Testina del feto: è troppo piccola?

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 13/05/2023 Aggiornato il 13/05/2023

La valutazione complessiva dell'accrescimento del feto non viene fatta sulla base di una sola misura, ma prende in considerazione altri parametri. Se il ginecologo sostiene che quanto rilevato dall'ecografia non preoccupa vuol dire che è così.

Una domanda di: Ginevra
Buongiorno Dottoressa, sono alla 3 gravidanza, sono mamma di due bimbi nati di 3500g a 39 settimane e 3180g a 37 settimane. Due bimbi che sono sempre stati oltre il 50 percentile. Ora sono attualmente a 27 settimane e dall’ultima ecografia di ieri la testina del mio bimbo risulta piccola, le riporto le misure: 20+2 settimana (morfologica) Bdp: 46. 5 Cc: 180 Ca: 149 Femore: 34. 3. 24+0 Bdp: 54. 8 Cc 216 Ca 196 F. 39. 0 27+1 Bdp 58. 8 Cc 234 Ca 235 F 47. 3 Queste misure sono state prese dallo stesso ginecologo. Sono stata inoltre da un’altra ginecologa per un’ecografia e a 26 settimane ha rilevato queste misure: 26+0 Bdp 61. 5 Cc 238 Ca 213 F 47. 6. Le mie domande sono: è possibile che la testa del feto diventi più piccola? (da 26, misure mio ginecologo a 27) Devo preoccuparmi di questa cosa? Il bdp così tanto basso mi angoscia: non so a cosa pensare. Il mio ginecologo è tranquillo e mi ha dato appuntamento tra 4 settimane. Non so cosa fare. Mi aiuti, grazie.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Ginevra, intanto è fondamentale chiarire che la valutazione clinica è fatta dal medico che ha eseguito l’ecografia e redige il referto. Quindi se il suo ginecologo è tranquillo, direi che dovrebbe esserlo anche lei e se ha dei dubbi è opportuno che li esprima a chi ha fatto l’esame. In linea generale, le posso dire che la valutazione della crescita del feto va fatta a distanza di almeno due settimane che è l’intervallo minimo per capire come sta crescendo. Tranne casi particolari in cui per motivi clinici è utile avere valutazioni frequenti, fare ecografie più ravvicinate non permette di valutare in modo adeguato la crescita. Se a questo aggiungiamo che l’ecografia è fatta con altro ecografo e da altro medico, direi che ci sono troppi fattori confondenti per poter dare un giudizio. Infine, dobbiamo sempre ricordarci che la valutazione complessiva non viene fatta sulla base di una sola misura. Nel caso specifico dell’estremo cefalico va considerato non solo il diametro biparietale (BPD) ma anche la circonferenza cranica, l’anatomia intracranica, la morfologia del cranio, le misure delle altri parti del corpo, la posizione del feto: insomma non è possibile dare giudizio sulla crescita del feto solo sul BPD. Ripeto se ha dubbi, chiami il suo ginecologo, ma se lui già le ha detto che nonc’è nulla di cui preoccuparsi non potrà che confermarle quanto già affermato. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti