Tibia vara: che fare?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 15/07/2019 Aggiornato il 15/07/2019

L'eventualità che una gamba sia arcuata verso l'esterno a volte è destinata a risolversi spontaneamente dopo i due anni di età.

Una domanda di: Carmine
A mia figlia (19 mesi) è stata diagnosticata dal pediatra la tibia vara (gamba destra). Cosa fare?
Grazie.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile papà,
“tibia vara” significa tibia arcuata con la convessita verso l’esterno.
Si tratta di una condizione spesso normale fin verso i 2 anni di età, epoca in cui spesso si verifica l’opposto, ovvero le gambe che diventano vaghe (le cosiddette gambe a X). Col pediatra si tratta di valutare se il problema è sorto dopo i primi passi o è sempre stato presente: è questa la variabile che influenza anche l’atteggiamento da tenere.
Se è una situazione fisiologica basta aspettare senza fare nulla, se si esclude incoraggiare il più possibile la bambina a correre, saltare, fare movimento, meglio se all’aria aperta. Di più non posso dirle perché non ho modo di visitare la bambina e non so se la situazione è presente fin dalla nascita. Le consiglio comunque di confrontarsi con il pediatra curante. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti