Timore di non essere RH negativo

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 07/11/2020 Aggiornato il 07/11/2020

E' davvero improbabile che tre successivi esami del sangue, effettuati per stabilire il gruppo sanguigno, producano per tre volte un risultato sbagliato.

Una domanda di: Laura
Buongiorno dottoressa,
cosa accadrebbe se, dopo aver fatto l’immunoprofilassi per rh negativo della madre, si scoprisse di essere rh positivi? Io per certezza
ho ripetuto 3 volte le analisi con esito sempre 0 negativo.

Grazie

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, che strana la sua domanda! Guardi, il gruppo sanguigno è informazione molto importante in una donna in gravidanza, infatti rientra tra i primi esami del sangue che vengono prescritti all’inizio dei nove mesi (sempre che non si possegga già un referto del laboratorio con il gruppo “inciso” a chiare lettere). Non direi che sia facile la situazione che lei paventa (ossia di paziente erroneamente ritenuta di emogruppo negativo, che in realtà è positiva) ma anche se accadesse che una paziente di gruppo positivo venisse sottoposta per errore a immunoprofilassi, dubito che correrebbe dei rischi seri in termini di equilibrio emodinamico. Con l’immunoprofilassi vengono iniettati degli anticorpi contro il fattore RH (presente sulla superficie dei globuli rossi un po’ come una bandierina) che per una paziente di gruppo positivo è parte del “self” ossia degli antigeni riconosciuti come propri. Questi anticorpi anti-Rh si localizzerebbero sui globuli rossi della paziente che quindi verrebbero in breve tempo eliminati, dando luogo appunto ad un processo di emolisi. Sapendo che l’immunoprofilassi di solito contiene circa 1500 unità di Immunoglobuline e che 1 millilitro di sangue RH positivo viene neutralizzato da 50 unità di immunoglobuline anti-RH, si deduce che al massimo si tratterebbe di sacrificare 30 millilitri di sangue, quindi una quantità decisamente esigua.
Mi auguro di esserle stata di aiuto, anche se l’argomento non è così semplice da spiegare…resto a disposizione in caso di necessità, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti