Tintura dei capelli: è controindicata in allattamento?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 17/02/2022 Aggiornato il 17/02/2022

I prodotti per tingere i capelli possono essere usati in allattamento senza alcun timore.

Una domanda di: Stefy
Ho una bimba di 2 settimane, e oggi ho effettuato una tinta per capelli
senza ammoniaca (la eseguo così da anni) dalla mia parrucchiera.
In gravidanza avevo chiesto parere a proposito sia al mio ginecologo che sul
Vostro portale (mi avevo risposto il dott. Brambilla) e mi era stato
confermato che secondo le
ultime evidenze scientifiche non vi è alcun rischio nell’effettuare tale
trattamento estetico in gravidanza, e così ho continuato regolarmente (una
volta al mese circa ) ad usare tale prodotto.
Non ho pensato che con l’allattamento potesse cambiare qualcosa ed ho
effettuato la tinta questa mattina.
Poi però mi sono fatta assalire dai dubbi… Cambia qualcosa in allattamento o
posso regolarmente continuare a fare la finta senza ammoniaca pur allattando
la mia piccola?
Sono preoccupata di poterle recare danno, o di avergliene già recato con la
tinta di stamattina…
Grazie mille per quello che potrà dirmi!

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Eccomi signora, leggo solo ora la sua domanda e voglio rincuorarla completamente in quanto la tinta per i capelli non può intaccare in alcun modo la qualità del suo latte e neppure nuocere alla sua bambina.
Persino la tinta contenente ammoniaca sarebbe stata compatibile…
Ne approfitto per dirle che all’inizio dell’ allattamento si osserva facilmente una caduta pronunciata dei capelli.
È tutto in regola col copione in realtà.
Per via degli ormoni della gravidanza nella dolce attesa si sincronizza la crescita, dopo il parto invece si sincronizza la caduta.
A mio modesto avviso oltre al colore anche un bel taglio “tattico” dei capelli può avere senso per rinforzarli…parola di mamma!
Spero di averla aiutata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti