Tiroidite di Hashimoto?

Professor Gianni Bona
A cura di Professor Gianni Bona
Pubblicato il 23/10/2018 Aggiornato il 23/10/2018

La tiroidite autoimmune determina la comparsa di segni ben precisi, primi tra tutti le alterazioni del TSH e la comparsa di particolari anticorpi nel sangue, In assenza di questi, non è conveniente per l'equilibrio emotivo preoccuparsi delle conseguenze di un disturbo da cui non si è colpiti.

Una domanda di: Valentina
Gentile dottore ho 29 anni e una figlia di 6 mesi e mezzo. Non ho mai avuto
problemi alla tiroide ne preso farmaci tipo eutirox o similari. In
gravidanza il ginecologo mi faceva sempre controllare il tsh rsultato sempre
nella norma ( mi pare di ricordare sempre inferiore ai 2.5). Prima della
gravidanza, quindi poco più di un anno fa, avevo fatto di mia iniziativa
tsh, ft3 ft4 e anticorpi anti tpo e anti tireoglobulina tutti nella norma e
negativi. Non ho mai avuto aborti. Le scrivo questa premessa perchè la mia
ematologa l\’anno scorso mi ha detto di fare per scrupolo una eco tiroide
poichè avevo avuto anni addietro una inversione della formula leucocitari
durat anni, risoltasi spontaneamente a inizio gravidanza e mai più
ripresentata.
Ho fatto settimana scorsa l\’ecgrafia della quale riporto l\’esito
\”tirodie in sede di dimensioni normali (DAP lobo destro 12 mm, lobo sx 11
mm). Ecostruttura disomognea per la presenza di millimetriche aree
ipoanecogene, la maggiore al lobo destro in sede basale di 8mm con
all\’interno area di probabile raccolta colloidale; al lobo sx simili aree
la maggiore di 5 mm, tali formazioni sono prive di segnale vascolare
significativo)
Piccolo linfonodo di aspetto reattivo in sede LC sinistra di forma ovale e
diametro corto di 2,6mm.
Si consiglia controllo esami tiroide di tsh, ac anti tpo e anti
tireoglobulina
Controllo ecografico tiroideo tra un anno\”

LA Dottoressa mi ha spiegato che potrei avere la tiroidite di Hashimoto e
quindi di rifare gli esami che però ho già fatto recentissimamente.
Avrei quindi le seguenti domande
1) se gli esami risulteranno ancora negativi, quindi anticorpi tiroidei
negativi e tsh basso, si può escludere la tiroidite autoimmune? In tal caso,
come mai allora l\’ecografia mostra una tiroidite, cosa potrebbe essere?
2) vorrei avere altri figli ma ho letto che in caso di tiroidite autoimmune
potrei avere un rischio di aborto spontaneo maggiore, e di infertilità, è
vero?
3) la dottoressa mi ha detto che chi ha la tiroidite di hashimoto ha un
rischio più alto di soffrire di altre malattie autoimmuni. Io in passato
avevo fatto esami anti dna nativo, anti ana e ena tutti negativi, esami per
celiachia negativi. Ho letto però che esistono anche gli anticorpi
antifosfolipidi che in gravidanza potrebbero dare problemi , se ce li avessi
positivi dovrei rinunciare ad avere un secondo figlio o comunque averlo solo
prendendo anticoagulanti e cortisone? ( vorrei evitare).
4) alla luce della possibilità che possa aver sofferto di tiroidite senza
saperlo per tutta la gravidanza, devo far fare qualche esami a mia figlia
attualmente di sei mesi e mezzo ?
Sono molto preoccupata. Premetto che in famiglia nessuno soffre di patologia
autoimmuni o tiroiditi, e che io stessa non ho alcun sintomo.
Grazie.

Gianni Bona
Gianni Bona

Cara signora, non c’è alcun segno che autorizzi la diagnosi di tiroidite
autoimmune, visto che sia l’esame del TSH sia l’indagine per la ricerca
degli anticorpi hanno dato esisto negativo. I numerosi problemi che lei
paventa sono di certo possibili conseguenze della tiroidite di Hashimoto,
tuttavia non essendoci alcun segnale che ragionevolmente faccia pensare che
lei sia colpita dal disturbo non c’è ragione di temerne neanche uno. Per
quanto riguarda la bambina, assolutamente non è necessario sottoporla ad
alcuna indagine. Neanche per lei sono consigliabili altri accertamenti né
tantomeno una terapia: nessun elemento infatti può giustificare gli uni o
l’altra. Ripeta l’ecografia tra un anno, come le è stato suggerito e si
metta tranquilla. Premesso tutto questo, se la sua dottoressa ritiene invece
di effettuare altri esami, evidentemente possiede informazioni che lei non
mi ha dato: a questo punto credo sia opportuno che discuta con lei della
situazione. Il mio parere non cambia invece in relazione a quanto mi ha
riferito.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti