Tisane a base di zenzero e altre erbe: fanno male in gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 26/08/2019 Aggiornato il 26/08/2019

Anche se è vero che anche le erbe vanno prese con cautela durante la gravidanza lo è altrettanto che la quantità con cui si introducono attraverso le tisane è talmente modesta da non esporre al benché minimo rischio.

Una domanda di: Simona
Ho sempre preso tisane la sera, al finocchio, allo zenzero e limone con un po’ di zenzero grattugiato. Vorrei sapere se posso continuare a farlo.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, direi che le tisane di finocchio e zenzero e limone non possono nuocere alla gravidanza (immagino che lei sia in dolce attesa, anche se non me lo specifica) e costituiscono invece un prezioso apporto di liquidi con potenziali effetti positivi sia sulla diuresi che sull’intestino.
Lo zenzero viene spesso suggerito per contrastare la nausea del primo trimestre, sia quello secco (in polvere) o quello fresco (grattuggiato).
Occorre tenere presente che ha delle proprietà “medicinali” per cui è bene non abusarne, soprattutto di quello secco.
Siccome lo zenzero ha un’azione di inibizione della trombossano sintetasi, è in grado di contrastare l’aggregazione delle piastrine e, di conseguenza, facilitare un eventuale sanguinamento. Questo però, fortunatamente, si può verificare solo per apporti consistenti di questa radice (15 grammi di zenzero crudo, 40 grammi di zenzero cotto, 10 grammi di zenzero secco), ben lontani da quelli contenuti in una tisana!
Mi sono permessa di precisare questo dato perché a volte si pensa che i prodotti naturali in quanto tali siano necessariamente innocui, invece è corretto confrontarsi anche su questi (oltre che sui farmaci) con gli specialisti.
Spero di averle risposto senza causarle preoccupazioni di sorta, sono a disposizione se desidera per ulteriori chiarimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti