Tosse che migliora ma non del tutto

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 07/06/2024 Aggiornato il 07/06/2024

A fronte di una tosse che non dà broncospasmo serve solo armarsi di pazienza: di norma si risolve da sola.

Una domanda di: Azzurra
Mio figlio si chiama Mirko ha 11 anni. Ha avuto la bronchite asmatica circa un mese fa abbiamo assunto antibiotico cefixtoral per sei
giorni e aresol con prontinal broncovaleas e fisiologica in più i primi tre giorni bentelan da 1mg e mezza per tre giorni mattina e sera. Adesso da una
settimana ha tosse che è cominciata da un bruciore alla gola poi rossetta stizzosa siamo andati dalla pediatra ma non aveva ni ete bronchi pulito
tutto pulito e la gola era leggermente arrossata aerosol con ipertonica e sciroppo per tosse grassa e secca. Dopo 4 giorni ci siamo tornati perche la
tosse era diventata forte e non lo faceva respirare si sentiva affannato a volte starnutiva insieme alla stessa tosse di nuovo bentelan a scalare per
tre giorni e antistaminico zirtex 15 gocce la sera mi dice di fare una cura per allergia. Si è migliorato ma tossisce ancora un po’.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora,
immagino che già in passato Mirko abbia avuto episodi di “bronchite asmatica”, e quello che ha fatto prima, e adesso, è sostanzialmente corretto. Ma l’attuale bronchite con tanta tosse è probabile che sia meno “asmatica” e più legata a una infezione (c’è una epidemia di queste tossi anche a Trieste). Questo per dire che la tosse non è, di norma, un segno di asma (in altre parole più forte è la tosse meno importante è il broncospasmo asmatico). Questo per dire che non deve preoccuparsi se Mirko risponde meno alla terapia e si armi di pazienza che la tosse passerà anche da sola. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti