Tosse che non passa: posso dargli l’antibiotico?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 24/07/2019 Aggiornato il 24/07/2019

L'antibiotico non può essere somministrato al bambino di propria iniziativa, ma sempre e solo su prescrizione del pediatra.

Una domanda di: Valentina
Mio figlio ha una tosse persistente già da 2 settimane. Sta facendo inalazioni di cortisone con aerosol ma la tosse persiste. Cosa fare ? Si potrebbe ricorrere all’antibiotico ?
Grazie per un suo aiuto.

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma Valentina,
la decisione di dare un antibiotico deve essere presa dal pediatra dopo una visita durante la quale vengono valutati il tipo di tosse (oltre alla sua durata, riferita dai genitori) e la respirazione, nonché rilevati eventuali altri sintomi. Il mio consiglio è dunque quello di riportare il bambino dal peidiatra curante, al quale spetta comprenere come mai la tosse sta perdurando ancora per poi eventualmente cambiare terapia. Anche quest’ultima deve essere stabilita da lui, che a differenza di me può avere un quadro chiaro della situazione. In generale, l’antibiotico non va mai utilizzato di propria iniziativa, ma sempre e solo dopo aver sentito il pediatra. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti