Tosse fastidiosa che non passa (quasi) mai

Professore Alberto Villani A cura di Professore Alberto Villani Pubblicato il 28/02/2018 Aggiornato il 31/07/2018

Una bambina di sette anni che ha spesso una tosse fastidiosa dovrebbe essere sottoposta a prove di funzionalità respiratoria (spirometria) , nonché essere valutata da un pediatra bronco-pneumologo.

Una domanda di: Assunta
La mia bimba ha 7 anni, fino a quattro anni solo piccoli raffreddori, asilo solo 4 mesi in tutto. A 6 anni dopo varie inizi di bronchiti con tosse insistente che le provocava, di notte, vomito (curata con antibiotico e un antistaminico) è stata ricoverata per inizio broncopolmonite da microplasma. Oggi che ha 7 anni ha spesso questa tosse fastidiosa. Abbiamo effettuato le analisi ed è risultata allergica agli acari (prende antistaminico). Il problema è che solo il Bentlan pastiglia, che le provoca rossore sulle guance, le calma la tosse. L’allergologo le ha prescritto il vaccino da fare quando starà meglio, ha tonsille ipertrofiche: una tocca l’ugola. Ha la febbre una volta l’anno.Cosa
posso fare per questa tosse,ha preso di tutto. Per finire: solo una volta le tonsille
si erano sgonfiate. Distinti saluti.

Alberto Villani
Alberto Villani

Gentile Signora,
dalle informazioni che fornisce, la storia di sua figlia è la stessa di circa il 20-25 % dei bambini italiani: rinite, tosse, interessamento delle vie aeree (bronchite).
Probabilmente in qualche occasione le sarà stato detto che la bambina ha presentato “broncospasmo” o “bronchite asmatica” o “fischietto” o “sibili” e prescritto terapia con salbutamolo (nomi commerciali: Broncovaleas o Ventolin). Sarebbe opportuno che sua figlia eseguisse prove di funzionalità respiratoria (spirometria) “pre e post” e venisse valutata da un Pediatra broncopneumologo e/o con esperienza nelle patologie respiratorie infantili.
La bronchite asmatica (così definita perché caratterizzata da sintomi simili a quelli dell”asma) è dovuta a una maggiore sensibilità delle vie aeree ai tanti fattori che possono determinare la tosse (virus, freddo, fumo e inquinamento, allergeni) e il trattamento si avvale dei farmaci usati nell’asma. E’ una condizione che, se ben trattata, tende a migliorare progressivamente con la crescita fino a scomparire. Centri di broncopneumologia pediatrica sono presenti in tutte le regioni italiane. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti