Tosse secca che non passa dopo un raffreddore

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 11/10/2023 Aggiornato il 11/10/2023

È molto importante capire l'origine di una tosse fastidiosa e persistente, allo scopo di impostare la terapia più adeguata e, quindi, risolutiva.

Una domanda di: Sissy
Salve dottore, mio figlio ha 3 anni e mezzo ha il raffreddore da 22 giorni con tosse persistente. La dottoressa gli ha dato da fare l arosol con broncovales e acqua fisiologica, sciroppo Lisomucil. Lui non lo vedo migliorato la notte quando ha gli attacchi di tosse delle volte trattiene il respiro.. nn so perche faccia così. Sinceramente sono preoccupata perché lo fa spesso solo la notte. Pensa che dovrei cambiare terapia? È normale che ci metta così tanto per guarire?
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora,
dopo un “raffreddore” la metà dei bambini smette di tossire entro dieci giorni, ma a tre settimane c’è un 10 per cento che ha ancora la tosse. Questo per dire che i sintomi respiratori che seguono una comune infezione virale respiratoria durano, o possono durare, molto più del previsto. E se la tosse “grassa”, con catarro, non mostra di migliorare dopo questo tempo, può anche servire un ciclo di antibiotico. Nel suo caso sembra però di capire che la tosse di suo figlio sia disturbante, specie di notte, e questo indicherebbe che si tratta di una tosse “secca”. E una tosse secca di lunga durata, mi farebbe ipotizzare una “bronchite eosinofila” . Questa è una condizione rara, ma non rarissima, che si giova del cortisonico inalatorio (aerosol) e non del broncodilatante (broncovaleas) perché non ha nulla da condividere con l’asma ed è a prognosi buona. Provi a suggerire questa ipotesi al suo pediatra. Comunque sia e avendo escluso una pertosse, perché immagino che suo figlio sia vaccinato, sono troppo pochi gli indizi che ci scrive per poterle dare consigli più concreti. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti