Tosse terribile, che nessun farmaco lenisce, in un bimbo di 5 anni

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 16/08/2023 Aggiornato il 27/09/2023

La scuola di Trieste ha descritto ed etichettato più di vent'anni fa una manifestazione tipica dell'età pediatrica, fino ad allora non catalogata e poi battezzato con l'acronimo SIRT, che sta per Sindrome da Ipersensibilità dei Recettori della Tosse. Si tratta di un disturbo che oggettivamente dà tanta pena ai genitori e disturba moltissimo il bambino, ma in realtà non preoccupa perché è di natura benigna, passa spontaneamente con il trascorrere del tempo e non lascia conseguenze.

Una domanda di: Giuseppe
Egregio Professore, nell’attesa di fissare uno o più appuntamenti con Lei, vorrei descriverLe la situazione di mio figlio, visitato già da pediatri, pneumologi, allergologi e altri otorinolaringoiatri, con i quale non riusciamo a risolvere la questione, ormai diventata invalidante a tutti gli effetti. Stiamo pensando ad un ricovero, per approfondimenti più seri, semmai valutando intervento chirurgico di rimozione adenoidi e tonsille (anche se non c’è una indicazione chiara). Angelo ha 5 anni, 21 chili. Ad ogni episodio di raffreddore e/o influenza una tappa obbligata è la tosse. Una tosse anarchica e debilitante che passa da essere secca e grassa, e viceversa, nell’arco dei giorni. La notte si acuisce e nelle crisi più acute porta il bimbo anche a vomitare per via del forte laringospasmo, che dura ore. Ogni mese c’è un episodio di raffreddore e/o influenza che porta a questo dramma. Il bimbo recidiva in continuazione. Lui è vispo, forte, ma quando è nella fase acuta della tosse non dorme, si lamenta. È uno strazio. Ascoltando numerosi pareri di pneumologi, otorinolaringoiatri, pediatri etc…pare essere esclusa la causa allergica e il reflusso gastrico. Ma, ad ogni virosi, ci troviamo a vivere questa situazione ormai drammatica. Ad ogni settimana di asilo, seguono 2-3 settimane di raffreddore/influenza + tosse. Il bimbo ha contratto il CoVid 2 volte, la prima volta in maniera asintomatica nell’agosto 2022 e la seconda volta con sintomi influenzali (e la solita tosse invalidante) a gennaio 2023. Sembra che dopo questo episodio ultimo di CoVid, sia diventato ancora più sensibile. Nulla pare placare il laringo spasmo se non, lievemente, 1 mg di Bentelan 2 volte al giorno (di cui ha dovuto abusare per riposare o, in altri casi, per via della fortissima infiammazione delle vie alte, o ancora per asciugare il muco retronasale). Ma non possiamo continuare di certo a somministrare cicli di Bentelan 1-2 volte al mese. Gli approcci terapeutici in fase acuta sono stati i più disparati con la costante di frequenti lavaggi nasali e umidificazione ambienti. 1) fluspiral+nurofen+ levotuss 2) nurofen+ seki + macladin + xyzal 3) nurofen + rinocidina + seki + xyzal 4) bentelan + seki 5) (ultima terapia) zitromax + fluspiral + xyzal. Sul punto 5, ci avevano indicato di somministrare 3 DOSI di Zitromax per 6 giorni e una singola per 20 giorni (neanche fosse un adulto). Cosa che ci siamo rifiutati di fare, da profani, ma da persone di buon senso tanto che il “luminare” ha corretto il tiro dicendoci di somministrare “solo” una dose per 6 giorni (il bimbo si stava già riprendendo dalla fase acuta dopo Nurofen e Seki da una settimana, quando lo ha visitato). Tutti sono concordi che si tratti di una questione delle alte vie respiratorie, ma le tossi, quando diventano abbaianti di trachea, diventano insostenibili per il piccolo e per tutta la famiglia. Di recente, ci siamo trovati nel pieno del peggior episodio mai avuto. Il 7 Luglio fa il primo colpo di tosse, peggiora al mare, dal 10 al 18 luglio fa fluspiral 125×2, zirtec e levotuss senza successo. Dal 18 al 25 Bentelan 2mg al giorno. Il 25 sembra stare meglio ma il 26 si sveglia con voce nasale e flogosi delle alte vie per cui è congestionatissimo. La sensazione è che non sia tanto il muco che si è generato a costiparlo ma le alte vie infiammate e gonfie. Esordisce la febbre a 39 e, al 28 luglio, è al terzo giorni di macladin ×2 e nurofen ogni 8 ore. Il 2 agosto, pare guarito. Alle visite effettuate da tutti i suoi colleghi veniamo sempre rassicurati in quanto “trattasi di alte vie respiratorie”, ma intanto sono 2 anni che il piccolo è costretto ad assumere Bentalan praticamente una volta al mese o, nei migliori casi, ogni 2 mesi. Oggi, 13 agosto, di nuovo tosse da cane dopo ennesimo raffreddore. Siamo disperati quando sta Angelo sta bene, di solito assume un blando integratore di vitamina D, B e sali minerali. Questo è pressoché il quadro completo. Abbiamo bisogno di uscire da questa situazione ormai diventata insostenibile, spero possa darci un gentile riscontro e vederci presto. Grazie. Cordialità.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Caro ingegnere, da quanto scrive mi sembra di poter dire con ragionevole certezza che suo figlio presenta una tipica tosse da ipersensibilità dei recettori della tosse, che noi (scuola di Trieste) abbiamo descritto ed etichettato più di vent’anni fa sulla rivista di aggiornamento “Medico e Bambino” con l’acronimo SIRT (Sindrome da Ipersensibilità dei Recettori della Tosse). Da quanto racconta ci sono tutte le peculiari caratteristiche che caratterizzano questo singolare fenotipo di tosse dell’età pediatrica e in particolare quelle che non mancano mai e che permettono di formulare una diagnosi di certezza: inizio a cavallo dei tre anni; al ricorrere di ogni “raffreddore”; tosse che nei primi 2-5 giorni (fase della tosse secca con timbro “tracheale/laringeo”) è di particolare intensità (“terribile”), che non fa dormire; auto amplificante (“la tosse che fa tosse”) spesso emetizzante; sempre eguale ad ogni episodio (“sempre al massimo”) e che nulla di quello che si fa, e viene consigliato, funziona davvero (né in fase acuta, né in prevenzione). Alla fine risultano più efficaci i vecchi consigli della nonna, come arieggiare bene la camera, farlo dormire con due cuscini, liberare il naso e …il “latte caldo con il miele”. Ma soprattutto serve armarsi di tanta pazienza sapendo che la SIRT non comporta alcuna evoluzione da temere e che nulla può succedere, né in fase acuta, né mai. Gli episodi di tosse “terribile” si spegneranno progressivamente con l’età senza lasciare nessun esito. Anzi le dirò anche che proprio il tanto tossire rappresenta per lui un’arma in più per proteggere meglio l’albero bronchiale e lo trova quindi più forte e difeso rispetto a tutti gli altri (in altre parole non richiede alcuna terapia né precauzioni di vita). Faccia leggere questa mia anche al suo pediatra che magari già conosce la SIRT e, se crede opportuno, mi potrei confrontare con lui al telefono. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti