Tosse terribile che niente fa passare: può essere la SIRT?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 10/01/2024 Aggiornato il 10/01/2024

Ci sono sintomi che suggeriscono inequivocabilmente di trovarsi alle prese con la SIRT (sindrome da ipersensibilità dei recettori della tosse), un fenomeno che in nessun caso andrebbe essere messo in relazione con il reflusso gastro-esofageo, che nel bambino sano (senza gravi danni neurosensoriali) non andrebbe nemmeno ipotizzato come possibile causa di tosse.

Una domanda di: Alessandra
Buongiorno dottore,
le scrivo perché leggendo i suoi articoli ho il sospetto che la mia bimba di 4 anni possa avere la Sirt.
Dall’inizio della scuola dell’infanzia, il suo copione è più o meno sempre il solito: appena prende anche un banale raffreddore, inizia l’incubo della
tosse notturna. Le faccio tantissimi lavaggi e rinowash ma spesso e volentieri dal naso non esce niente, sembra sempre che il muco sia
retrofaringeo. Durante il giorno tossisce in modo accettabile, a volte anche molto poco. Dopo pochi minuti che dorme ( con 3 cuscini) iniziano un lungo e
continuo attacco di tosse autoalimentante, mediamente che dura un’ora e mezzo due (durante la quale la prendiamo in collo e la portiamo a passeggio).
Paradossalmente, a meno che non abbia un’infezione più importante, spesso succede che dopo le prime due ore in questo modo poi possa dormire il resto
della notte con pochi o nulli attacchi. Prove allergiche negative, curata con broncodilatatore e cortisone con puf o per bocca, niente le fa effetto.
Al torace , salvo un caso di bronchite in seguito all’influenza, sempre pulita. Ma ogni volta tossisce come se avesse la broncopolmonite.
Paradossalmente quando ha avuto recentemente il covid con una produzione di muco come non aveva mai avuto , è stata l’unica volta in due anni in cui non
ha mai tossito la notte e il muco le usciva dal naso. La bimba ha anche il reflusso ma viene curata e sono certa che questa non sia tosse da reflusso.
Negli ultimi giorni sta tossendo in questo modo la notte, nonostante apparentemente non ci sia segno di raffreddore. Non le nego che per noi è
diventato veramente difficile. Come posso fare per avere od escludere con certezza una diagnosi da Sirt? Grazie infinite.

Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora,
da come scrive direi che la bambina ha tutte le caratteristiche tipiche della tosse da SIRT: l’inizio a cavallo dei 3 anni; il ripetersi inesorabile, sempre al massimo, a ogni raffreddore; la tosse secca terribile molto disturbante e auto-amplificante (“la tosse che fa tosse”); che per almeno 2-4 gironi non fa dormire (addormentare) e che nulla riesce a calmare davvero. Tipico anche che con l’influenza o il Covid (infezioni sistemiche) la tosse non si sia fatta sentire. Detto questo eviterei di fare altro, di certo non credo le possano servire i lavaggi nasali anche perché la tosse da SIRT esordisce i primi giorni del raffreddore, mentre quando il muco si addensa e si fa purulento di norma la tosse è già passata. Le prove allergiche anche se fossero state positive (raro alla sua età) di certo non avrebbero spiegato la tosse. Leggo anche con molta sorpresa e perplessità che mi segnala il reflusso gastro-esofageo, che nel bambino sano (senza gravi danni neurosensoriali) non andrebbe nemmeno ipotizzato come possibile causa di tosse.
Quindi si faccia una ragione perché la tosse da SIRT è oggettivamente pesante da avere e da gestire. Tutto questo perché non si tratta di una malattia e, di fatto, a nulla sono serviti i farmaci che le sono stati consigliati. Ma proprio perché non è una malattia non ha nulla da temere, nulla può succedere, ne oggi, ne un domani. Consideri invece sempre che la tosse è un meccanismo impareggiabile di difesa, lo spazzino dell’albero bronchiale: chi più tossisce più sa difendersi dalle infezioni e da altro. Il bambino con SIRT è il più sano e difeso di tutti, non il contrario e con l’età della scuola tutto andrà a sistemarsi spontaneamente. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti