Toxoplasmosi contratta poco prima del concepimento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/10/2017 Aggiornato il 16/10/2017

Nel caso in cui la toxoplasmosi venga contratta poco prima del concepimento occorre seguire un iter di diagnosi e di cure mirato a quanto accaduto.

Una domanda di: Sofia
Salve dottore, sono incinta di 10 settimane e da poco ho scoperto d avere la toxoplasmosi positiva il mio dottore tramite le analisi ( igm positive mi ha detto che l ho presa 3 mesi fa….mi devo preoccupare?? ho fatto pure il test di avidità ma i risultati non sono ancora usciti…ti ringrazio in anticipo
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Gentile signora,
la toxoplasmosi è un’infezione che si può contrarre in gravidanza per alimenti contaminati o per contatto con feci di gatto ( indiretto) o terreno infetto . La diagnosi prevede il dosaggio degli anticorpi Igg igm. Quando ci sono dubbi sul possibile momento dell’infezione rispetto alla gravidanza, per datare l’evento si esegue il “test di avidità”. Se emerge la presenza di possibili rischi per il bambino, si effettua terapia antibiotica di protezione per tutta la gravidanza e si eseguono controlli ecografici sul feto, per verificare che non vi siano problemi causati dall’infezione.
In casi del genere, è necessario sicuramente contattare un centro di secondo livello per poter seguire il più idoneo percorso diagnostico e terapeutico. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti