Toxoplasmosi: si può prendere tramite lesioni cutanee?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/02/2021 Aggiornato il 20/02/2021

L'infezione causata dal toxoplasma si contrae solo ingerendo carne o altri alimenti contaminati.

Una domanda di: Ros
Salve, vi scrivo per una delucidazione. Vorrei sapere se la toxoplasmosi
può essere presa anche tramite lesioni cutanee o tagli, maneggiando carne e
verdura mal lavata?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve, non mi risulta che possa esserci contagio da Toxoplasmosi nella modalità che lei descrive. Il contagio di solito avviene ingerendo carne cruda (salumi compresi) o verdura contaminata da terra contenente le oocisti di Toxoplasma o, infine, portando alla bocca mani contaminate da feci di gatto a sua volta infetto. Occorre fare attenzione nella preparazione dei cibi a non utilizzare lo stesso coltello con cui ha tagliato la carne cruda per affettarla una volta cotta senza prima averlo lavato accuratamente. Così come sarebbe prudente evitare di farsi affettare il prosciutto cotto o la mortadella dal salumiere, a meno di chiedere di pulire prima l’affettatrice…
Non sarei preoccupata di eventuali taglietti nelle mani…per fortuna il Toxoplasma non arriva a questi livelli di contagiosità!
Spero di averla rincuorata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti