Tradimento: confessare o no?

Dottoressa Annalisa Pistuddi A cura di Dottoressa Annalisa Pistuddi Pubblicato il 02/02/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Può essere molto più fruttuoso per il rapporto di coppia non confessare il tradimento, anche se questo implica non alleggerirsi del senso di colpa.

Una domanda di: Maria Luigia
Gentile dottoressa,
vengo subito al dunque: ho tradito mio marito, facendo sesso per due volte con un altro uomo che mi ha fatto perdere un po’ la testa (ma ora lo so bene, era solo attrazione fisica). E’ già tutto finito per me, non ne vorrei più sapere, ma sono tormentata dal rimorso e da un dubbio: devo confessare tutto a mio marito? Lo so che per onestà dovrei farlo ma so che rischierei troppo. le cose tra noi stanno andando molto meglio, ho perfino ricominciato a fare l’amore con lui con trasporto, mentre prima del tradimento non riuscivo più a sopportarlo. Cosa mi consiglia? Gli racconto tutto? Aspetto con ansia la sua opinione.

Annalisa Pistuddi
Annalisa Pistuddi

Gentile signora, dal suo racconto emerge già la sua scelta: fino a ora ha taciuto e il suo rapporto coniugale sembra migliorato e lei si sente più disponibile e corrisposta nella relazione con suo marito. Il tradimento sottende già un agito provocatorio e la confessione potrebbe contenere un carico di aggressività eccessivo per la stabilità della coppia. Sta facendo i conti con il suo senso di colpa e questo non può evitarlo, però potrebbe evitare una possibile separazione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti