Traslucenza effettuata con troppo vigore: ci sono rischi?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 29/10/2022 Aggiornato il 29/10/2022

Se dopo l'esecuzione dell'ecografia, che pure ha procurato fastidio, non sono comparse contrazioni dolorose significa che il feto non ha subito traumi.

Una domanda di: Alessandra
Buongiorno Dottoressa, ho eseguito la traslucenza nucale all’ospedale e dopo l’ecografia da parte della ginecologa me ne è stata fatta una seconda da una dottoressa che stava imparando. La seconda dottoressa esercitava una certa pressione sulla pancia e a volte insisteva sempre nello stesso punto, in quel caso sentivo la pelle surriscaldarsi e in generale provavo fastidio. Non essendomi stato detto che la dottoressa era inesperta mi sono affidata senza dire nulla. Andando avanti con la visita invece ho percepito la sue incertezze e ho capito. La domanda è: posso stare tranquilla che tutto questo non ha recato danni alla mia bambina? Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, niente paura: le ecografie non comportano una sollecitazione addominale tale da costituire un rischio per la sua bambina. Anche se ha provato fastidio, immagino che dopo l’esecuzione dell’esame lei non abbia riscontrato dolori pelvici simili alle mestruazioni (cosa che ci potrebbe far pensare ad una contrattura dell’utero in risposta a questa stimolazione dell’ecografia). Dato che ha provato fastidio ma non ha detto nulla, la invito per il futuro a sentirsi più libera di esprimersi con chi si sta prendendo cura di lei/voi. Credo che a volte noi donne subiamo in silenzio e ci pentiamo poi di non aver aperto bocca…meglio avere rimorsi che rimpianti, non crede? Immagino che l’esame della traslucenza nucale sia andato per il meglio e se vogliamo guardare al positivo, dato che ha fatto due volte l’ecografia ha avuto tutto il tempo di rimirarsi il suo piccolo grande capolavoro all’opera…grande emozione! Spero di averla rassicurata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti