Trattamenti per le ciglia in gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 03/02/2020 Aggiornato il 03/02/2020

I trattamenti di rigenerazione e ispessimento delle ciglia possono essere effettuati durante i nove mesi, perché prevedono l'impiego di sostanze naturali.

Una domanda di: Anna
Vorrei sapere se duerante la gravidanza è possibile fare il semipermanente o la laminazione alle ciglia. Grazie mille.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, ammetto di essere poco pratica di trattamenti estetici ma possiamo essere ragionevolmente certi che un trattamento alle ciglia non comporti rischi né in gravidanza né in allattamento. La cheratina impiegata per la laminazione è un costituente normale dei nostri capelli ed è presente anche nelle unghie e nello smalto dei denti. Le cheratine sono una famiglia di proteine) e quindi possono essere impiegate serenamente. Anche per lo smalto semipermanente non ci sono controindicazioni , cioè non può nuocere né alla gravidanza né al bambino. In generale, è sempre bene comunicare all’estetista di essere in attesa di un bambino.
Vedrà che la gravidanza stessa le farà diversi regali dal punto di vista estetico…provare per credere! Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti