Tremori improvvisi in una bimba di due anni

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 06/05/2024 Aggiornato il 06/05/2024

Se la comparsa di un tremore è occasionale, transitoria e legata a circostanze di grande impatto emotivo non desta particolare preoccupazione. Parlarne con il pediatra curante può comunque essere opportuno.

Una domanda di: Valentina
Salve dottoressa, mi rivolgo a lei perché mia figlia 2 anni e 3 mesi sono già due volte che, quando sta a casa qualche giorno e poi la riporto al nido, la
mattina quando entriamo a mettersi scarpe e togliere giacca inizia a tremucchiare, ma la bimba è contenta e sorride, cammina, mette le scarpe e
tutto, ma nel mentre vedo che ha questo tremore tipo di “emozione”, che poi svanisce, da quanto mi dicono le maestre, quando entra e gioca è tranquilla e
loro non hanno mai visto nessun tremolio: possibile siano tremori di emozione? Devo farla visitare da un neurologo? Grazie mille, scusi, ma sono
un po’ preoccupata.
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara signora,
sinceramente mi sembra un po’ eccessivo che lei addirittura pensi di far visitare la bambina da un neurologo: eventualmente, nel caso in cui si abbia il dubbio che vi sia qualcosa di grave, bisogna prima di tutto far visitare il bambino dal pediatra curante, a cui spetta stabilire se è necessaria una visita specialistica. Ma credo non sia questo il caso, visto che i tremori sono ben circoscritti a una circostanza che evidentemente ha un grande impatto emotivo su sua figlia. Penso che se fossero legati a un disturbo neurologico si manifesterebbero anche in altri momenti, non solo nei pochi minuti successivi all’ingresso a scuola. Tanto più che le educatrici non rilevano alcuna anomalia né lei mi pare abbia colto altri segni che suggeriscano la presenza di un problema. Detto tutto questo, poiché come ho sostenuto in altre risposte ritengo non si debba mai sottovalutare la preoccupazione di una mamma (sono convinta che le madri abbiano una sorta di antenna speciale che permette loro di vedere nei figli quello che ad altri magari sfugge), per mettersi del tutto tranquilla le consiglio di parlare di questo tremore anche con il suo pediatra curante che, a differenza di me, ha modo di valutare la bambina “in presenza”. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti