Triptani contro l’emicrania: si possono assumere in gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 05/04/2023 Aggiornato il 06/11/2023

I triptani sono farmaci che si possono tranquillamente assumere in gravidanza, perché dagli studi è emerso che non vi sono rischi per il bambino.

Una domanda di: Cecilia
Soffro di cefalea tensiva ormai da anni e l’unica soluzione per me è l’utilizzo del rizatriptan lio. Adesso sono alla sesta settimana di gravidanza ed ho già avuto un attacco di emicrania molto forte. Mi è stato detto di “prediligere altri antidolorifici tipo paracetamolo” ma poiché il loro effetto è pari a zero su di me vorrei sapere se è necessario che continui a soffrire, tenendomi il mal di testa giorno dopo giorno,oppure posso utilizzare con totale sicurezza il mio farmaco. Grazie tante per l’attenzione.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, sono lieta di poterle dare una buona notizia: i triptani sono farmaci compatibili in gravidanza! Ho appena visionato il foglio illustrativo del Rizatriptan e vorrei precisare che non è corretto affermare che non ci siano dati sui possibili effetti avversi per il nascituro. In realtà, gli studi disponibili nella gravidanza umana NON hanno riscontrato un aumento del rischio di malformazioni congenite in caso di esposizione a questo tipo di farmaci. Inoltre, va detto che si tratta di una terapia al bisogno e non continuativa e per questo motivo i triptani sono anche compatibili in allattamento (anche se in teoria sarebbe meglio impiegare Sumatriptan invece di Rizatriptan). Le segnalo infine che, qualora gli attacchi di emicrania non dovessero ridursi nella loro frequenza (a volte, però, la gravidanza fa miracoli da questo punto di vista), sentito il parere del neurologo curante, si potrebbe ipotizzare di assumere quotidianamente Laroxyl (Amitriptilina) 5-10 gocce al giorno per prevenire l’insorgenza stessa degli attacchi di emicrania. Spero di esserle stata utile, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti