Trombofilia in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/02/2018 Aggiornato il 21/02/2018

Anche le future mamme a rischio di sviluppare coaguli nel sangue, per esempio a causa di una malattia genetica, possono affrontare bene la gravidanza grazie all'assunzione di eparina a basso peso molecolare.

Una domanda di: Teresa
Sono alla 17 settimana di gravidanza. Dal controllo degli esami ematici risulta
l’antitrombina III con valore 74NG. Premetto che sono sotto terapia con
Clexane 4000 u.i. (è un’eparina a basso peso molecolare) a causa della
mutazione genetica. Vorrei sapere se è un
valore normale.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, l’antitrombina III è una glicoproteina plasmatica ad azione anticoagulante.
Questa molecola – potenziata nella sua azione fino a 2000 volte dal legame con l’eparina – è in grado di inibire diversi fattori della coagulazione, in particolare la trombina e il fattore Xa.
I valori di riferimento dell’antitrombina III possono variare da laboratorio a laboratorio; sono considerati normali quando sono compresi tra l’ottanta ed il centoventi per cento del valore di riferimento.
Se una paziente è affetta da deficit di antitrombina III, si definisce trombofilica, ossia con una tendenza marcata a sviluppare coaguli nel sangue, in particolare in alcune circostanze (ad esempio: immobilizzazione prolungata, assunzione di pillola contraccettiva, gravidanza)
Anche chi presenta una mutazione del fattore V Leiden (in omozigosi o in eterozigosi) fa parte delle pazienti con trombofilia e necessita pertanto della profilassi anticoagulante con eparina a basso peso molecolare in gravidanza.
Ricordo che la profilassi è di 4000 UI/die fino a 80 kg di peso corporeo, superato questo limite andrebbe aggiustato il dosaggio a 6000 UI/die.
Il valore che lei mi riporta di antitrombina III è in teoria lievemente sotto il limite minimo di normalità (80%) ma non ci deve allarmare in quanto, come le accennavo sopra, l’eparina che lei sta assumendo potenzia notevolmente questa molecola, mettendola al riparo da rischi a livello di coagulazione del sangue.
Spero di averla rassicurata, sono a disposizione altrimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti