Troppa vitamina D in gravidanza è dannosa?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 17/04/2024 Aggiornato il 17/04/2024

Le linee guida non suggeriscono di dosare la vitamina D durante la gravidanza, in quanto il fabbisogno di questa sostanza aumenta nei nove mesi. Quindi non ha senso preoccuparsi di verificare il suo valore mediante l'esame del sangue.

Una domanda di: Pierangela
Sono appena entrata nella 26^ settimana di gravidanza. Dalle analisi del sangue svolte più di un mese fa, risulta che la vitamina D è a 63,6 μg/l. In
molti studi viene riportato che il valore ottimale di vitamina D nel sangue sarebbe di 40-60 μg/l. Pensa quindi che il mio valore sia troppo elevato o
che con l’inizio della bella stagione potrebbe ulteriormente aumentare?
Un’elevata quantità di vitamina D nel sangue potrebbe essere dannosa per me ed il mio bambino? Oltre alle vitamine prenatali, che prendo quotidianamente
e contengono 20 μg di vitamina D, non assumo nient’altro. Ritiene pertanto che dovrei prendere le vitamine prenatali a giorni alterni?
La ringrazio anticipatamente e le porgo cordiali saluti.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, le nuove linee guida in realtà non prevederebbero che si dosi la vitamina D in gravidanza in quanto è notevolmente aumentato il fabbisogno di questa vitamina e sappiamo già che sarà certamente utile quella introdotta con la dieta, così come quella derivante dall’eventuale supplementazione con multivitaminici.
Inoltre occorre sapere che la vitamina D o colecalciferolo NON è già attiva ma deve essere attivata a livello del rene (che la trasforma in di-idrossi-colecalciferolo o calcitriolo), mettendo quindi l’organismo al riparo da un eccesso di vitamina D (condizione davvero rara in letteratura medica).
Teniamo comunque presente che il Calcitriolo viene prodotto anche a livello della placenta e che l’abilità del feto di produrre il calcitriolo sembra giocare un ruolo nel trasferimento di calcio a livello placentare.
Direi quindi di non aver timore né di esporsi al sole nella bella stagione, né di proseguire con l’assunzione del multivitaminico indicatole dal Curante.
Se volesse approfondire il tema, ho trovato interessante questo sito dell’Istituto Superiore di Sanità, sebbene occorre fare attenzione alle unità di misura: lei parla di microgrammi su litro, mentre nel sito si parla di nanogrammi su millilitro, quindi di fatto stiamo utilizzando gli stessi riferimenti in scala 1:1000
https://www.issalute.it/index.php/la-salute-dalla-a-alla-z-menu/v/vitamina-d?width=wide#sicurezza-effetti-indesiderati-e-interazioni-con-i-farmaci
Spero di averla rassicurata, rimango a disposizione, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti