Trucco di carnevale: può provocare reazioni allergiche su braccia e gambe?

Dottoressa Floria Bertolini A cura di Dottoressa Floria Bertolini Pubblicato il 19/02/2018 Aggiornato il 31/07/2018

I prodotti usati sul viso dei bambini a carnevale potrebbero anche se raramente provocare la comparsa di puntini rossi nelle zone in cui vengono applicati, mentre è improbabile che determinino reazioni altrove.

Una domanda di: Sabina
Salve, potrebbe il trucco messo sulla faccia del mio bambino per carnevale avergli causato una reazione allergica che si è manifestata con delle macchioline localizzate nelle braccia e nelle gambe?
Grazie
Floria Bertolini
Floria Bertolini

Gentile signora Sabina,
è difficile darle una risposta basandomi sulle poche informazioni che mi ha fornito. Se non è interessata la zona in cui ha applicato il trucco, ma solo gli arti, penso improbabile che sia il trucco usato. Mancano molti elementi per formulare una ipotesi diagnostica. Non mi ha detto l’età del bambino, né l’anamnesi personale e familiare (per esempio, ha avuto l’eczema costituzionale ei primi mesi di vita e magari ne è ancora colpito?) In famiglia qualcuno ne ha sofferto?), oltre a mancare l’obiettivita’ clinica, ossia la possibilità di visionare l’eruzione. Le chiazzette sono arrossate e desquamanti? Il bambino ha prurito? Comunque sia, se non ci sono manifestazioni nella sede del contatto, escludo l’ipotesi di una dermatite allergica da contatto, peraltro rara in età pediatrica.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti