Colpo sulla pancia nel primo mese di gravidanza: ci sono rischi?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 19/10/2022 Aggiornato il 01/11/2022

L'utero è protetto dalle anse intestinali e dai muscoli della parete addominale e, nelle prime settimane di gravidanza, ha lo stesso volume di "prima", quindi può sostenerere senza conseguenze per l'embrione un trauma di modesta entità.

Una domanda di: Veronica
Salve sono incinta di poche settimane 4+1. Accidentalmente mia figlia di 3 anni mi ha dato un pugno nella pancia, sopra ovaio destro. Ho sentito dolore inizialmente. Ha potuto provocare qualche danno? Sono molto preoccupata.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, per fortuna non le è accaduto nulla di irreparabile. L’utero è protetto dalle anse intestinali e dai muscoli della parete addominale e alla sua settimana di gestazione è ancora praticamente del suo volume iniziale, simile a quello di una pera, collocato in posizione mediana ossia al centro della pelvi. Lei mi riferisce un trauma in sede ovarica (quindi laterale) e questo mi pare ci possa ulteriormente confermare che la sua gravidanza non è stata veramente minacciata. Inoltre il bimbo nella camera gestazionale ha il liquido amniotico che fa anche da cuscinetto ammortizzatore. Quello che fa la differenza a mio avviso è l’intensità del trauma e per quanto una bimba di tre anni possa essere forte, non riuscirà a sferrare pugni di entità pari a quella di un adulto o, ipotesi estrema, di un incidente stradale. Dopo un trauma addominale in gravidanza è utile osservare la comparsa di sintomi quali contrazioni uterine (mal di schiena o dolori simili alle mestruazioni) o perdita di sangue o liquido dai genitali. In caso siano presenti, vale certamente la pena di effettuare un controllo in pronto soccorso. Nel suo caso dubito che il dolore si sia prolungato al di là del contraccolpo iniziale, vero? Le faccio i miei auguri per questa nuova gravidanza e dato che la bimba ha già tre anni, le spieghi che bella sorpresa è in arrivo e di come sia importante che anche lei sia delicata con la mamma e in particolare la sua pancia. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti