Un figlio a 42 anni

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 06/08/2021 Aggiornato il 06/08/2021

Dopo i 40 anni la situazione anagrafica non è favorevole in relazione alla possibilitòà di avere un figlio. Ma questo non lo esclude.

Una domanda di: Roberta
Ho 42 anni e ho avuto una bimba 6 anni fa dopo vari interventi per endometriosi, cisti ovariche e miomi. Ho sempre avuto un ciclo irregolare sempre in anticipo e pochissime volte in ritardo, dolorosissimo e lungo. Da un paio d’anni mi arriva dopo 25/26 giorni e dura 6/7 giorni. Negli ultimi due mesi ho avuto ciclo ogni 15/16/18/23 giorni. Sto cercando un’altra gravidanza: ad agosto dello scorso anno ne ho avuta una ma non è riuscita ad andare avanti. Ho avuto l’ultima mestruazione il 5 luglio il 2 agosto ho fatto direttamente una beta valore 1,2 (allego il PDF)e non il test tradizionale sulle urine. Dopo una settimana di nausea, fastidio allo stomaco, olfatto amplificato, giramenti di testa (soffro anche di cervicale) due giorni fa ho fatto esami ormonali (allego il PDF) le mestruazioni non sono ancora arrivate e ho ancora qualche fastidio tra cui ogni tanto qualche fitta alle ovaie. Ho il basso ventre gonfio pancia e stomaco anche (soffro di colon irritabile). Sono preoccupata e questa situazione, non mi fa stare tranquilla, non so più cosa fare e pensare. Grazie in anticipo per la sua risposta.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la sua è una storia molto complessa sia per la presenza dell’endometriosi sia per la presenza dei multipli interventi di cui mi ha riferito. Per quel che attiene la presunta gravidanza dello scorso anno non è andata oltre cinque settimane, ma in realtà il valore da lei riferito – 1,2 – non è rappresentativo nemmeno di un test di gravidanza positivo in quanto per essere definito tale il valore deve superare i 25. Diciamo che probabilmente non era iniziata.
Tutti questi fattori singolarmente e insieme sono certamente un dato che complicano la ricerca della gravidanza insieme all’età anagrafica (che non è favorevole). Potrebbe essere utile verificare la riserva ovarica con un esame che va interpretato dal suo specialista di fiducia (fattore antimulleriano). Serve per meglio comprendere se dal punto di vista follicolare ovarico abbiamo disposizione ancora una quantità di ovociti tale da ottenere il risultato in un tempo medio breve. Se dal punto di vista chirurgico sono escluse fisiologiche situazione aderenziali, probabilmente la via più razionale nel suo caso potrebbe essere quella di una fecondazione assistita. Mi manca per poter essere più utile l’utilizzo o meno di farmaci, la presenza di altre patologie e la condizione del liquido seminale del suo partner. Ritengo che rivolgersi al più presto a un centro per la diagnosi e la cura dell’infertilità sia la cosa migliore da fare. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti