Un figlio a 45 anni

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 03/06/2020 Aggiornato il 03/06/2020

Rimanere incinta a 45 anni in linea teorica è possibile, ma nella pratica le probabilità di riuscirci sono molto modeste.

Una domanda di: Michela
Ho 45 anni e fortunatamente nessuna patologia. Ho deciso avendo trovato la persona giusta di avere un bambino, sono tre mesi o 4 che proviamo, da due
assumo inofert combi due al di è un multivitamibico multicentrum pre mamma. Al momento ho notato un ciclo un po’ diverso, ho ovulato il 3 maggio con
test accertatore, e ho avuto il ciclo solo il 25 maggio… con 8 gg di ritardo rispetto al mio normale ciclo.
Non solo ma verso il nono giorno post ovulazione ho avuto perdite rosa per un
paio di giorni. Il ciclo è durato circa 6 giorni, di cui tre giorni di flusso normale e poi
perdite marroncine per altri 4 giorni. Tanto che ho pensato ad un aborto o gravidanza biochimica.
A questo punto mi chiedo se insistere con questi integratori, il parere del
mio medici è favorevole, io invece ho dei dubbi mentre un altro medico mi
consiglia di non assumere nulla se non acido folico che già assumo.
La ringrazio per il tempo che mi potrà dedicare.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Buongiorno,
l’inositolo, contenuto negli integratori che sta assumendo, può lievemente migliorare la qualità degli ovociti. Non fa però miracoli e a 45 anni più che gli integratori è la grande fortuna che può aiutare. Le probabilità di dare inizio a una gravidanza sono infatti bassissime e, in più, se il concepimento dovesse avvenire è alto il rischio di aborto spontaneo, cioè che la gravidanza si interrompa naturalmente. Purtroppo l’età fertile della donna ha un termine ben preciso. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti