Un figlio a 46 anni

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 28/08/2019 Aggiornato il 28/08/2019

Non è facile dare inizio a una gravidanza dopo i 45 anni e anche se dovesse accadere ci sarebbero vari rischi da mettere in conto.

Una domanda di: Laura
Ho 46 anni, ho già una figlia di 20 anni, io e il mio compagno di 54 anni vorremmo provare ad avere un figlio in modo naturale. Gentile dottoressa, può dirmi cosa ne pensa? Se è possibile riuscire nell’ impresa, i rischi, le percentuali di riuscita? Le probabilità che tutto vada ok? Grazie mille.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora Laura, capisco il suo desiderio di diventare mamma con il nuovo compagno della sua vita. Allo stesso tempo sarei curiosa di sapere cosa ne pensi sua figlia di veder arrivare un fratellino o una sorellina…forse non sarebbe sbagliato coinvolgerla in questa scelta così delicata: ormai è una donna fatta e finita anche lei! Per quanto riguarda l’ambito medico, una gravidanza alla sua età non è impossibile ma è certamente molto “delicata” in quanto le possibilità di andare incontro a complicanze quali il diabete o l’ipertensione gestazionali (solo per fare degli esempi) sono piuttosto concrete. Se lei avesse patologie d’organo (cardiopatie, nefropatie, epatopatie) mi sentirei di sconsigliarle l’impresa in partenza.
Se invece gode di buona salute, resta comunque vero che gli ovociti che daranno luogo al concepimento solo gli stessi di quando lei era nella pancia della sua mamma…quindi ne hanno fatta davvero tanta di strada!
Per questo motivo, con l’avanzare dell’età materna, è purtroppo più facile che un concepimento esiti in un aborto spontaneo precoce (magari senza che lei nemmeno si accorga di essere rimasta incinta): si parla di selezione naturale.
Allo stesso tempo, se la gravidanza si impianta in utero correttamente e procede indisturbata, potrebbe anche darsi che siano presenti delle anomalie genetiche o cromosomiche nel nascituro. Non è per fare del terrorismo psicologico o cercare di dissuaderla che glielo scrivo! E’ solo per aiutarla a fare una scelta ancora più consapevole. Ogni bimbo che nasce è un miracolo e ha bisogno solo dell’amore dei suoi genitori per crescere bene…
Se entrambi siete pronti ad accettare questa sfida, direi che vale la pena che lei assuma quotidianamente acido folico (1 compressa da 400 microgrammi al giorno, lontana da the e/o latticini) e…a risentirci con buone notizie!
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti