Un figlio a 46 anni: è possibile?

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 03/09/2019 Aggiornato il 03/09/2019

In linea teorica, una donna sana può ancora dare inizio a una gravidanza dopo i 40 anni.

Una domanda di: Laura
Ho 46 anni e ho il ciclo regolare ogni 22/26 giorni. Non fumo, non bevo e sono in buona salute. Ho già un figlio, dopo quattro/cinque giorni dal ciclo il muco aumenta notevolmente. Vorrei sapere se alla mia età è ancora possibile rimane incinta naturalmente, e come devo interpretare i segnali del mio corpo. Grazie.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora,
certamente sì, le probabilità che lei rimanga incinta ci sono.
È possibile, soprattutto se lei riesce a individuare correttamente i giorni fertili che sono appunto segnalati dalla presenza di muco fertile, una secrezione chiara, trasparente, filante.
È anche importante che lei controlli la lunghezza della seconda metà del ciclo: dalla scomparsa del muco filante (periodo dell’ovulazione) all’inizio del flusso successivo, che deve essere di 12-14 giorni per consentire che l’annidamento avvenga senza problemi.
Le esperienze della fecondazione assistita riportano che le uova dopo i 40 anni siano meno fecondabili: se così fosse anche nei concepimenti naturali, questo suggerirebbe di provarci con la massima disponibilità ma senza aspettative eccessive. Del resto, ogni figlio è un dono e nessuno è mai certo di riceverlo quando lo cerca.
Con l’età aumentano anche le possibili complicanze della gravidanza e l’incidenza delle malattie genetiche nel figlio, eventualità che lei ha già certamente considerato, vista la consapevolezza con cui si prepara a una ulteriore gravidanza.
Lei è una donna sana, ancora fertile e desiderosa di un altro figlio. Essere disponibili al suo arrivo è un atteggiamento di grande fiducia e apertura alla vita comunque vada. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti