Un figlio a 49 anni: si può?

Dottoressa Elisabetta Canitano
A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano
Pubblicato il 13/10/2018 Aggiornato il 13/10/2018

Una donna che decide di avere un figlio a 49 anni deve mettere in conto che non c'è nulla che possa ripristinare l'attività delle ovaie che la sua età ha compromesso. C'è sempre comunque la possibilità di ricorrere all'ovocita di una donatrice (accollandosi l'intero costo delle procedure di procreazione medicalmente assistita).

Una domanda di: Barbara
Buongiorno sino una donna di 49 anni, non ho mai avuto gravidanze e ora vorrei avere un bebè: ho i cicli da circa 2/3 mesi o in ritardo di 54 giorni o in anticipo o ritardo di 10 giorni molto dolorosi, penso che sia dovuto all’arrivo della premenopausa e vorrei sapere se io e il mio compagno potremmo fare delle cure o magari ricorrere a qualche dieta particolare o all’aiuto di un ginecologo per favorire la possibilità di concepire. Il mio compagno ha 43 anni. Ecco vi ringrazio molto e resto in attesa di una vostra risposta.
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Cara Barbara, ci capita spesso di ascoltare donne che arrivano alla decisione di avere un figlio in età in cui le ovaie funzionano moderatamente. Purtroppo non esistono cure che possano arrestare il declino naturale dell’attività ovarica. Dovresti rivolgerti a un centro per la sterilità, totalmente a pagamento per le donne della tua età. Per informazione ti dico che esistono luoghi dove si possono avere figli con cellule di un’altra donna, ovvero facendo ricorso all’ovocita di una donatrice.
E’ un pensiero che potrebbe interessarti ? nel caso ti puoi rivolgere a un centro per la fecondazione medicalmente assistita.
Un caro abbraccio e auguri.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Elisabetta Canitano
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti