Un figlio tra cugini (non di primo grado): potrebbe esserci un problema?

Professor Paolo Gasparini A cura di Professor Paolo Gasparini Pubblicato il 20/02/2021 Aggiornato il 20/02/2021

La consanguineità aumenta lievemente il rischio di avere figli colpiti da una malattia genetica a trasmissione recessiva, come per esempio la fibrosi cistica.

Una domanda di: Giovanna
La mia domanda è: mia figlia sta frequentando un ragazzo nonché mio cugino. Vorrei sapere anche se prematuro se potrebbero esserci problemi un giorno, se dovessero avere un bambino. Grazie.
Paolo Gasparini
Paolo Gasparini

Gentile signora,
la consanguineità aumenta lievemente in percentuale l’incidenza di malattie genetiche (quelle trasmesse come carattere recessivo). In realtà oltre un miliardo di abitanti nel mondo pratica la consanguineità per motivi religiosi o socio-culturali senza particolari problemi. Nel caso poi specifico non si tratterebbe nemmeno di un rapporto tra cugini, comunque sia potrebbe essere opportuno per maggiore tranquillità richiedere una consulenza genetica prima di un eventuale concepimento. Si può accedere a questo servizio
con l’impegnativa del medico di famiglia. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti