Un piccolissimo può ammalarsi di mononucleosi?

Dottor Pietro Falco A cura di Dottor Pietro Falco Pubblicato il 21/08/2018 Aggiornato il 21/08/2018

L'allattamento al seno dovrebbe proteggere il neonato dal contagio da parte del virus della mononucleosi, tuttavia è più che opportuno evitare senza deroghe ogni contatto con una persona colpita.

Una domanda di: Maria
I neonati di 10 giorni possono contrarre la mononucleosi? Grazie.

Pietro Falco
Pietro Falco

Cara mamma, è difficile (ma non impossibile) che un neonato di 10 giorni possa contrarre la mononucleosi, soprattutto se viene allattato al seno e se si evitano contatti stretti (in particolari mani e bocca) con persone diverse dalla mamma (adulti o bambini che siano). Certo che se nella casa dove vive un neonato vive pure qualcuno che ha contratto il virus della mononucleosi sarebbe meglio, almeno nella fase acuta della malattia , tenere lontano il neonatino nella maniera più assoluta, anche eventualmente trasferendolo per qualche giorno in un ‘altra casa. E’ questo infatti l’unico modo per non esporlo al rischio di essere contagiato. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti