Gravidanza che non si annuncia dopo sei anni di tentativi

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 03/01/2022 Aggiornato il 03/01/2022

Dopo un anno di tentativi, se la gravidanza non inizia è opportuno rivolgersi a un centro per la diagnosi e la cura della sterilità. E questo vale ancora di più per le donne che hanno superato i 40 anni.

Una domanda di: Paola
Salve dottoressa scusi se la disturbo sono una donna di 44 anni che prova a concepire da un bel po’ facendo mille accertamenti tutti andati bene a a detto dei medici sia per me che per mio marito ma ad oggi nessun medico e riuscito a dare una spiegazione se non un fattore di età, considerando che si ci prova da un sei anni allo stato attuale faccio monitoraggi, ma volevo domandarle se secondo lei e possibile prendere clomid e aspirinetta oppure devo aspettare il concepimento prima di assumere l’aspirinetta. Grazie mille.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, ha mai provato a rivolgersi ad un centro di procreazione assistita? Purtroppo, passato un anno in attesa di un concepimento spontaneo, le probabilità che questo accada, coltrascorrere del tempo diminuiscono progressivamente. E, nel frattempo, l’età aumenta e questo, per la donna, non fa che ulteriormente diminuire le probabilità di un concepimento spontaneo. Mi spiace dirle che in questo campo il “fai da te” non funziona e quindi eviterei di prendere del Clomid (o altro) senza il controllo del medico e senza che sia lui a suggerirlo. Quindi, ribadisco, non perda altro tempo e si rivolga ad un centro specializzato dove potrà effettuare una consulenza specifica e discutere tutti i dubbi e le opportunità. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti