Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 13/06/2021 Aggiornato il 28/06/2021

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.

Una domanda di: Michelle
Sono una ragazza di 25 anni.
Il giorno 23 maggio avrei dovuto inserire il Nuvaring, sono circa sei anni che lo uso, ho deciso però di non inserirlo; ho deciso così poiché mi piacerebbe avere una gravidanza.
Ho contato i giorni dall’ultimo ciclo avuto e dovrebbero arrivarmi circa verso il 16 giugno, da circa una settimana scarsa ho avuto Spotting anche sostanzioso ma non quanto una mestruazione.
Può essere che sono incinta? (Ho letto di alcune perdite da impianto su internet). Dopo l’interruzione dell’anello contraccettivo si torna alla normalità fin da subito o si rischia di perdere la propria fertilità per un certo periodo?
Posso fare un test di gravidanza anche se mancano cinque giorni dal presunto arrivo delle mestruazioni?

Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Cara Michelle,
può essere che tu sia incinta, ma non possiamo saperlo con certezza: per scoprirlo occorre fare il test di gravidanza (è sufficiente usare il kit fai-da-te che si esegue sulle urine). Il test puoi farlo anche subito, certo, ma poi comunque, in caso di risultato negativo, andrebbe ripetuto: ne vale la pena? Meglio, dunque, aspettare di farlo al momento opportuno cioè a partire dal primo giorno di eventuale ritardo delle mestruazioni. Per quanto riguarda la possibilità di rimanere incinta immediatamente dopo aver sospeso la contraccezione, varia da donna a donna. A volte è possibile si debba attendere qualche ciclo, altre invece accade subito o quasi. Generalizzare non si può. Stai prendendo l’acido folico? Va assunto per tutto il periodo di ricerca della gravidanza e poi almeno fino al terzo mese (salvo diversa indicazione del curante) perché aiuta la formazione del sistema nervoso centrale del feto, mentre la sua carenza può causare gravissime malformazioni (spina bifida). E’ mutuabile e puoi chiedere al medico di famiglia di prescrivertelo (Fertifol o Folidar). La dose giornaliera è di 400 microgrammi. Auguri di cuore.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti