Unghie finte: si possono applicare in gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 05/03/2019 Aggiornato il 05/03/2019

In gravidanza, se si decide di effettuare la cosiddetta "ricostruzione delle unghie" è opportuno fare presente all'estetista il proprio stato.

Una domanda di: Daniela
Salve dottoressa sono Daniela ho 28 anni e sono sposata aspetto un bambino sono alla 16ma settimana di gravidanza. Volevo chiederle una cosa: le unghie finte con la colla si possono applicare in gravidanza? Da quale mese in poi si possono mettere ? E lo smalto si può applicare ? Ci sono rischi per il bambino? Sento pareri diversi quindi ho deciso di chiedere un parere
professionale. Grazie mille. Cordiali saluti.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno Daniela, ammetto che la sua domanda mi trova un po’ sorpresa in quanto le mamme in gravidanza sono così belle che non riesco proprio a capire come mai ci sia bisogno di trattamenti estetici ulteriori…magari la farò sorridere, ma scommetto che guardandosi allo specchio e vedendo che il suo corpo si sta ammorbidendo nelle forme non è questa volta presa dall’ansia ma si scopre più bella di prima, non è così?
Ci sono tanti motivi per cui si è più belle: la pelle è più morbida, i capelli si infoltiscono, il seno si riempie, le unghie si rinforzano…persino la pancia che si arrotonda ha una sua bellezza che in genere riscuote l’attenzione di parenti, amici e…perfetti sconosciuti (non a caso la gravidanza è definita “stato interessante”).
Non so se anche lei lo abbia riscontrato, però in gravidanza si ha un maggiore assorbimento di calcio dall’intestino e credo sia per questo motivo che le unghie sono solitamente più rapide nella crescita e anche più resistenti del solito.
Venendo alla sua domanda, direi che le unghie finte si possono applicare anche in gravidanza.
Non saprei dirle se la colla impiegata per fissarle comporti o meno dei rischi da inalazione, occorre chiedere delucidazioni a chi le effettua la procedura!
Anche lo smalto si può applicare, magari cercando di areare bene il locale durante la stesura per limitare al minimo l’inalazione delle sue componenti volatili. Dall’unghia non abbiamo poi alcun assorbimento di sostanze chimiche nel circolo sanguigno, quindi non esiste nemmeno il rischio di “contaminazione” del bambino.
Spero di esserle stata di aiuto, a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti