Ureaplasma: è corretto non debellarlo?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 28/03/2023 Aggiornato il 28/03/2023

Non è sempre necessario assumere antibiotico per debellare batteri commensali, cioè che colonizzano abitualmente le mucose, in particolare genitali. Spetta al ginecologo curante stabilire l'opportunità di affrontare o no la terapia.

Una domanda di: Antonella
Sono all’ottava settimana di gravidanza. Sono risultata positiva a ureaplasma parvum e candida (prima di scoprire di essere in attesa mi ero sottoposta a tamponi per poter effettuare l’esame delle tube). Il ginecologo, per il momento, mi ha fatto fare solo due cicli di Meclon crema e l’infettivologo al quale mi sono rivolta mi ha detto semplicemente che il parvum non è patogeno … È un commensale e non va necessariamente trattato. Io sono abbastanza preoccupata invece! Non posso assumere neanche fermenti lattici?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Cara signora, capisco la sua paura di non fare abbastanza per contrastare l’ureaplasma ma in effetti non sempre è indispensabile effettuare un trattamento antibiotico per questo microrganismo: è facile che lo eradichiamo solo brevemente e poi si ripresenti nuovamente, come succede con i batteri commensali (microorganismi ospiti abituali). Dato che la Candida viene dall’intestino e che in gravidanza non è raro sperimentare un intestino più pigro del solito, direi che assumere fermenti lattici o anche alimenti ricchi degli stessi, come yoghurt, kefir, crauti, alimenti preparati con lievito madre, può essere davvero un modo saggio di mantenere l’equilibrio della flora batterica sia intestinale che vaginale. Esistono vari tipi di fermenti lattici in commercio, in varie formulazione e con prezzi differenti. Solitamente io consiglio Zirfoss, Dicoflor elle, Codex, I-Natal, Reuterin, Reuflor…come vede la lista è lunga! Spero che lei riesca a trovare un equilibrio nelle prossime settimane: all’inizio della gravidanza non è semplice idratarsi per via della nausea e questo può peggiorare il transito intestinale. Si ricordi quindi di bere in abbondanza, acqua o spremute di agrumi, centrifugati…Gli alimenti ricchi di vitamina C (come gli agrumi ma anche il kiwi) aiutano anche le difese immunitarie e la mettono al riparo dalle infezioni, anche a livello intimo, naturalmente. Spero di averla rincuorata, auguri per la bella avventura da poco iniziata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti