Utero multioperato: si può affrontare un’altra gravidanza (e un altro cesareo)?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 07/06/2021 Aggiornato il 13/06/2021

Se l' utero ha subito più incisioni, è possibile che in gravidanza si delineino più rischi di quanto ve ne siano se l'utero è integro.

Una domanda di: Lucia
Ho avuto già due cesari per gravidanza ed uno per miomectomia: è
possibile avere un altro figlio nonostante i ripetuti cesari? Inoltre soffro
di retto-colite ulcerosa e da poco ho scoperto di aver una malformazione
genetica per trombofilia uterina.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
c’è confusione in quello che scrive. Innanzitutto il suo è un utero multioperato ciò non significa che lei non possa avere altre gravidanza, ma queste devono essere seguite con attenzione particolare perché con “molti tagli” sull’utero può capitare che la placenta si annidi proprio su una delle cicatrici. Questa eventualità espone al rischio, raro ma possibile, che la placenta diventi tutt’uno con l’utero (si chiama accretismo) e quindi abbia difficoltà a staccarsi dallo stesso dopo il parto. In caso di un’altra gravidanza, visto che ha già subito una miomectomia (che non è un cesareo) e due cesarei, dovrà partorire ripetendo il cesareo. In un certo senso è meglio se per caso si formasse un accretismo placentare perché “a pancia aperta” la situazione è chirurgicamente molto più gestibile rispetto a quanto sarebbe con un parto per via vaginale. Sicuramente dovrà farsi seguire e fare riferimento ad un ginecologo presso un centro abituato a gestire tali situazioni: in primis per avere l’eventuale diagnosi di accretismo già nel corso della gravidanza ed in secondo luogo perché il suo cesareo andà pianificato molto bene. Comunque l’accretismo è una evenienza possibile ma non tutti gli uteri multioperati si trovano poi ad avere questo problema in caso di gravidanza. Diciamo che l’anomalia è solo più frequente rispetto a quanto accade nelel gravidanza che si affrontano con l’utero integro. Per quanto riguarda la trombofilia, non è “uterina”: si tratta di un’anomalia genetica che comporta un’eccessiva coagulazione, come sicuramente le hanno già spiegato, da cui deriva il rischio di aborto a gravidanza avanzata. Ed è anche questo un motivo in più, se desidera un altro figlio, di farsi seguire in un centro ad alta specializzazione. In relazione al problema al colon, anche in gravidanza si può controllare, come di sicuro saprà già. In generale, le consiglio di affidarsi e fidarsi del ginecologo che la sta seguendo e che di sicuro le avrà già detto quanto io le ho detto. Una risposta a una lettera stringata come la sua, in cui non mi riferisce neppure la sua età, non può infatti sostituirsi al parere del curante. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti