Utero parzialmente subcontratto: è giusta questa terapia?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 10/02/2021 Aggiornato il 10/02/2021

C'è un protocollo standard da seguire quando si aspetta un bambino e un'area dell'utero è contratta.

Una domanda di: Elisabetta
Sono alla 18ma settimana + 2 giorni e nelle ultime settimane mi hanno riscontrato l’utero con
area subcontratta non costantemente. La cervicometria il 27/01 era di 40mm
il 7/2 di 37 e il 9/2 di 35 mi è stato prescritto magnesio e progesterone
per un mese. Devo preoccuparmi? La terapia è adeguata? Dovrei fare altro?
Grazie mille per la risposta.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora,
occorre tenere sotto controllo la situazione, con la terapia che le è stata data e il riposo assoluto. Il protocollo che sta seguendo è quello corretto. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti