Utero retroverso: può causare dismenorrea?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 28/10/2020 Aggiornato il 28/10/2020

E' davvero raro che i dolori mestruali siano legati all'assetto dell'utero, tuttavia non lo si può escludere.

Una domanda di: Rosa
Ho l’utero retroverso e da quando è arrivato il menarca (o poco dopo) soffro di coliche mestruali molto forti infatti devo prendere un analgesico
per stare meglio (solitamente prendo Brufen). Sono dolori come coliche, non è un dolore continuo, ma va e viene. Il flusso è quasi sempre abbondante.
Vorrei sapere se questi dolori possono dipendere dall’utero retroverso.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Rosa,
almeno il 30 per cento della popolazione femminile ha l’utero retroverso. Questa cndizione non è un’anomalia e nella stragrande maggioranza dei casi dnon dà luogo ad alcun problema. Sarebbe davvero insolito ricondurre i dolori mestruali a questo particolare assetto dell’utero, tuttavia non potrei neanche escluderlo. Lei non mi dice quanti anni ha, ma solo che il dolore mestruale è comparso fin dal menarca. Ecco questo potrebbe segnalare una responsabilità a carico della posizione dell’utero. Tenga però presente che l’origine della dismenorrea va ricercata anche in altro, per esempio nell’eventuale presenza di un fibroma. Il mio consiglio è di sottoporsi a una visita ginecologica con ecografia:solo così potrà avere risposte precise ai suoi dubbi. Da parte mia non posso aggiungere altro, viste le scarne informazioni che mi ha fornito. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vorrei ingrassare: quali consigli?

19/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Il criterio da seguire per aumentare di peso è semplicissimo: basta introdurre più calorie rispetto al fabbisogno. Ma se nonostante questo si continuasse a dimagrire diventa necessario scoprire perché.   »

Dubbio dopo l’ecografia: il bimbo potrebbe essere basso di statura?

15/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

I fattori che determinano la crescita durante la vita intrauterina sono diversi da quelli che la influenzano dopo la nascita: un bambino che viene alla luce di due chili potrebbe, da adulto, tranquillamente arrivare ai 190 centimetri di statura, un neonato di 4 chili potrebbe non superare i 170 centimetri....  »

Lievissime perdite di sangue a inizio gravidanza: c’è da spaventarsi?

12/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un lieve sanguinamento nel primo periodo della gravidanza può non essere significativo e questo vale soprattutto se l'ecografia accerta la presenza, in normale evoluzione, della camera gestazionale e dell'embrione.  »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti