Vaccinarsi contro la pertosse in gravidanza è opportuno?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 09/03/2020 Aggiornato il 26/03/2020

E' molto importante che la futura mamma si sottoponga al vaccino contro la pertosse, per proteggere il suo neonatino nelle prime settimane di vita, prima che sia a sua volta vaccinato.

Una domanda di: Valentina
Sono incinta di 20 settimane e ho letto che in gravidanza è consigliato il vaccino tetano difterite pertosse a 28 settimane. Io 5 anni
fa avevo già effettuato questo vaccino e mi dissero che durava 10 anni, e anche da piccola avevo ovviamente fatto varie dosi di tetano e difterite…
quindi mi devo considerare coperta o devo comunque rifarlo? Non vorrei che fare questo vaccino troppe volte (l’ultima solo 5 anni fa!) fosse inutile o
addirittura facesse male. Inoltre mio figlio nascerà a luglio e la pertosse non è molto diffusa nei mesi estivi. Cosa mi consigliate? Durante la prima
gravidanza avuta 2 anni fa non avevo fatto questo vaccino perché il
ginecologo non me ne aveva mai parlato…grazie.

Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile signora Valentina,
le confermo l’importanza della vaccinazione antipertosse (somministrata insieme a quella contro il tetano e la difterite) in gravidanza, per proteggere il neonato nelle prime settimane di vita (prima della vaccinazione) da questa malattia.
Le raccomandazioni del Ministero della Salute come di altre istituzioni sanitarie internazionali, sono di effettuare la vaccinazioni nel corso di ogni gravidanza. La somministrazione del vaccino nel terzo trimestre (idealmente tra la 27 e la 30a settimana) non è indicata soltanto se la mamma è stata già vaccinata subito prima del concepimento o durante i primi mesi di gravidanza (per esempio come profilassi in seguito a ferite).
Il vaccino antipertosse oggi utilizzato non garantisce una protezione a lungo termine, e averlo effettuato cinque anni fa (come nel suo caso), molto probabilmente non è sufficiente.
I dati disponibili non indicano rischi nell’effettuare nuovamente il vaccino dopo 5 anni. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti