Vaccinazione anti-epatite B in gravidanza: è pericolosa?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/09/2019 Aggiornato il 10/09/2019

Gli studi sulla sicurezza del vaccino anti-epatite B hanno evidenziato che effettuarlo in gravidanza non è pericoloso.

Una domanda di: B.D.
Buongiorno, non so se mi potete aiutare. Ho avuto due aborti spontanei: il primo alla prima settimana e il secondo alla 18ma settimana, perché non ero protetta dal vaccino antirosolia, che ho fatto il 16 marzo. In realtà ho effettuato anche l’anti-epatite B: la seconda dose a luglio e la terza ed ultima dovrei farla il prossimo gennaio: mi chiedo se posso restare gravida adesso. E se fosse, potrei fare comunque la terza dose di anti-epatite B a gravidanza iniziata, dal quarto mese in poi? Grazie mille, cordiali saluti.

Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile signora,
gli studi disponibili sulla sicurezza del vaccino anti-epatite B somministrato nel corso della gravidanza non hanno osservato un aumento dei rischi per il feto.
Al contrario, in alcuni casi (donne che hanno un maggior rischio di contrarre l’infezione, come accade, per esempio, quando il partner è portatore del virus) la vaccinazione è raccomandata anche in gravidanza. In ogni caso, le consiglio di valutare con il suo ginecologo la possibilità di cercare subito una gravidanza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti