Vaccinazione anti rotavirus slittata: protegge lo stesso?

Professore Alberto Villani A cura di Professore Alberto Villani Pubblicato il 02/09/2019 Aggiornato il 02/09/2019

Il calendario vaccinale va rispettato, tuttavia piccoli slittamenti di date non inficiano l'efficacia della vaccinazione.

Una domanda di: Giuseppe
Leggo un po’ ovunque che la vaccinazione anti rotavirus non dovrebbe iniziare oltre la 12 settimana. Per problemi dell’ASL di competenza mia figlia è stata vaccinata (prima dose) alla 15 settimana e la terza dose è stata somministrata alla 23 settimana. Sarà efficace comunque?
Grazie.
Alberto Villani
Alberto Villani

Gentile papà,
premetto che le tempistiche delle vaccinazioni devono essere rispettata per garantire la migliore efficacia della vaccinazione stessa. Qualora però i tempi raccomandati non vengano rispettati per periodi brevi, come nel caso di sua figlia, l’efficacia non diminuisce. Stia tranquillo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti