Vaccinazione antipertosse in gravidanza: è giusto farla?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 23/04/2019 Aggiornato il 23/04/2019

Da alcuni anni la vaccinazione antipertosse è raccomandata in gravidanza. Viene somministrata insieme all'antitetanica e all'antidifterica, di norma tra la 27ma e la 30ma settimana.

Una domanda di: Vittoria
Gentile dottore,
sono al quinto mese della mia prima gravidanza e un’ostetrica mi ha consigliato di eseguire il vaccino antipertosse per assicurare al mio bambino, una volta nato, la protezione contro la malattia. E’ opportuno secondo lei questo suggerimento? (Nessuna delle mie amiche ne ha mai sentito parlare). E se sì, vale anche nel caso in cui io da piccola fossi stata vaccinata? (I miei genitori non ricordano con sicurezza anche se credono di sì). In pratica mi conviene comunque ripetere la vaccinazione o sarebbe meglio eventualmente farla solo se non fossi stata vaccinata? Vorrei tanto un parere sicuro. Grazie davvero.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile signora Vittoria,
da alcuni anni la vaccinazione antipertosse (somministrata insieme all’antitetanica e all’antidifterica) è tra quelle raccomandate in gravidanza. I dati disponibili indicano come periodo maggiormente indicato per questa vaccinazione quello tra la 27a e la 30a settimana. Gli anticorpi materni che si formano dopo il vaccino passano al feto e consentono di proteggere il neonato nei primi due mesi di vita, quando è troppo piccolo per essere vaccinato e in un periodo in cui l’infezione da batterio della pertosse potrebbe causare sintomi molto gravi. Gli studi disponibili indicano, inoltre, che la vaccinazione difterite-tetano-pertosse in gravidanza non è associata a un aumento dei rischi per il feto.
Il vaccino contro la pertosse dà una protezione di durata limitata; anche se è stato eseguito in passato, è pertanto necessario vaccinarsi nuovamente. La ragione per la quale è necessario ricorrere alle tre vaccinazioni insieme (difterite-tetano è che in Italia (ma non solo) non è più disponibile in commercio il vaccino monocomponente contro la pertosse. La raccomandazione è di effettuarla in occasione di ciascuna gravidanza, indipendentemente dal lasso di tempo trascorso dalla vaccinazione precedente. Gli esperti dei Centers for Disease Control degli Stati Uniti ritengono oggi alquanto improbabile il rischio di reazioni avverse dovuto all’eventuale somministrazione ravvicinata del vaccino antitetanico. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti