Vaccinazione esavalente e CoVid-19

Professor Matteo Bassetti A cura di Professor Matteo Bassetti Pubblicato il 02/10/2020 Aggiornato il 02/10/2020

Non è opportuno rimandare le vaccinazioni, nel timore che il proprio bambino sia un asintomatico per CoVid-19.

Una domanda di: Alessia
Dottore carissimo, la contatto per un semplice dubbio da vaccinazione. Ad ottobre devo effettuare al mio piccolo di 10 mesi il terzo richiamo di vaccino esavalente e il mio dubbio è il seguente: se il mio piccolo nel momento del vaccino fosse un asintomatico CoVid-19 potrebbero esserci problemi? Cosa accade se un asintomatico da covid si vaccina? Nell’attesa di una sua risposta la ringrazio anticipatamente.
Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

Gentile signora, il suo piccolo non avrà alcun problema. Nei bambini molto piccoli è difficile avere asintomatici per CoVid-19. Quindi in assenza di sintomi si potrà procedere alla vaccinazione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti