Vaccinazioni: quanto aspettare dopo una malattia febbrile?

Professore Alberto Villani A cura di Professore Alberto Villani Pubblicato il 02/05/2019 Aggiornato il 03/06/2019

Per ottenere la massima risposta immunitaria da una vaccinazione, occorre praticarla quando la condizione di salute del bambino è ottimale.

Una domanda di: Rosa
Salve il mio bimbo oggi inizia con l’antibiotico 3 volte al giorno per una settimana. Ha la febbre persistente per via di gola e orecchie infiammate.
Oggi avrebbe dovuto fare il vaccino mprv ma con la febbre il pediatra ha sconsigliato di effettuarlo e sono d’accordo. La mia domanda è: dopo quanto tempo si può
fare tranquillamente il vaccino? Ho letto tanti pareri discordanti, chi consiglia di farlo subito e chi dici di aspettare anche 2 settimane.
Aspetto una vostra risposta, grazie anticipatamente.
Alberto Villani
Alberto Villani

Gentile Signora,
è sempre opportuno eseguire le vaccinazioni quando le condizioni di salute sono ottimali per ottenere la migliore risposta immunitaria possibile al vaccino somministrato.
Per favorire le condizioni ideali e trarre il massimo profitto dalla vaccinazione le consiglio di attendere che il piccolo si riprenda completamente da questo episodio acuto. Probabilmente la ripresa completa avverrà dopo una settimana a partire dalla scomparsa dei sintomi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti