Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 23/10/2020 Aggiornato il 23/10/2020

Il vaccino antiinfluenzale non è controindicato in allattamento.

Una domanda di: Sara
Ho partorito a luglio. La mia bimba ha 3 mesi ed è allattata al seno. Mio figlio grande di 4 anni e mio marito si sono sottoposti al vaccino
antinfluenzale. Vorrei farlo anche io per proteggere il più possibile la piccola in questo inverno. Allattando è possibile farlo? O ci sono
controindicazioni?
Grazie.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Sara,
non ci sono controindicazioni.
Il vaccino antinfluenzale non comporta rischi per il lattante: si tratta di un vaccino che contiene il virus inattivato (ucciso) o alcuni componenti del virus. Non è quindi in grado di causare la malattia o di trasmetterla.
Può essere al contrario, come da lei sottolineato, una misura di prevenzione per proteggere la bimba.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti