Vaccino antiinfluenzale: serve anche contro il coronavirus?

A cura di Dott.ssa Elena Bozzola Pubblicato il 28/04/2020 Aggiornato il 04/05/2020

Il vaccino antiinfluenzale non protegge dal Sars-Cov-2, però i pediatri consiglieranno di farlo a tutti i bambini, perché potrà rivelarsi utile anche in relazione alla presenza del nuovo coronavirus.

Una domanda di: Luca
Ho sentito che la Società italiana di pediatria caldeggia che tutti i bambini il prossimo autunno vengano vaccinati contro l’influenza. Mi sembra
di aver capito che questo serva anche alla luce dell’emergenza legata al nuovo coronavirus. E’ forse che il vaccino antiinfluenzale può proteggere
parzialmente anche dalla CoVid-19? O c’è un’altra ragione? E da che età è consigliata?
Grazie davvero.
Elena Bozzola
Elena Bozzola

Il vaccino antinfluenzale può essere somministrato a partire dai 6 mesi di vita per prevenire l’influenza stagionale, motivo per cui viene consigliata la sua somministrazione intorno alla metà/fine ottobre. Il vaccino serve per proteggere chi lo riceve dal virus influenzale. A tutt’oggi non è dimostrato un suo effetto protettivo nei confronti del coronavirus, per il quale invece il vaccino è in fase di studio. Il fatto tuttavia di avere una popolazione vaccinata nei confronti del virus influenzale durante la stagione invernale potrà essere utile sia per evitare una co-infezione (virus influenzale + coronavirus) e quindi una sintomatologia potenzialmente più grave, sia per orientare con più facilitare la diagnosi nel caso di comparsa di febbre e tosse nei mesi invernali. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti